Arredare pianerottolo scale interne

arredare pianerottolo scale interne

Gli spazi comuni: liti tra condomini o punti dove la casa si fa chic?

diventare azienda green nel mondo dei tappeti
zerbino-per-arredare-pianerottolo-scale-interne

In foto - gli zerbini che danno il buonumore

Arredare pianerottolo scale interne

L’eleganza è fatta di dettagli, anche se parliamo di casa.
Pensare di intervenire sulle scale interne, e arredare in modo nuovo il pianerottolo potrebbe dare risultati sorprendenti, aggiungendo una nota di classe all’intero stabile.
Occuparsi degli spazi comuni è utile se si vuole creare una piacevole atmosfera generale nell’edificio, conferendogli un carattere distintivo.
Vivere in contesti esteticamente armoniosi è un ingrediente per migliorare la qualità della vita delle persone, e le zone di accesso non solo sono le più frequentate, ma sono anche quelle che danno in benvenuto a chi entra in casa, ospiti o abitanti stessi dell’edificio.
Da non trascurare, dunque, l’impatto visivo di queste aree che, pur essendo di passaggio, hanno una certa rilevanza nel dare valore all’abitare.

Se l’androne ha esigenze “tecniche”, ovvero di pulizia delle scarpe per chi entra nel palazzo,  una volta che si imboccano le scale interne possiamo apportare migliorie di carattere estetico affidandoci al nostro gusto.
La gestione degli spazi comuni, però, è storicamente anche uno dei terreni più scivolosi, e oggetto di dispute nelle assemblee condominiali.
Perché non trasformarle invece in un laboratorio di creatività per trovare soluzioni che mettano d’accordo tutti?
Data per scontata la necessità di tenere l’ingresso in ordine e pulito, si potrebbero concentrare le forze nel cercare modalità nuove di arredare i pianerottoli delle scale interne, ricorrendo ad interventi piccoli, facilmente realizzabili con davvero poco sforzo e spese ridottissime.
Di fronte a proposte siffatte, sarà difficile dire di no!

corsia-corridoio-arredare-pianerottolo-scale-interne

In foto - corridoi di passaggio comuni

Prendere esempio da contesti di lusso

In mancanza di un arredatore professionista, tutti i condomini potrebbero cominciare portando esempi di palazzi che considerano particolarmente eleganti, alberghi di lusso, condomini di grandi città e via dicendo.
Una buona fonte di ispirazione sono i film, per il cinema o per la tv, che ci permettono di entrare in realtà da noi anche molto distanti.
Guardare un film da questo punto di vista è un esercizio interessantissimo, che darà ottimi frutti.

Cos’hanno in comune i palazzi di lusso?
A primo sguardo si notano la simmetria e l’uniformità.
I più creativi obietteranno che ciascuno ha i propri gusti, il proprio carattere, e che perciò ogni ingresso sarà a sé, ma è fuori di ogni dubbio che non si arreda il pianerottolo per sé, bensì per tutti quelli che passeranno dalla scala del condominio.
Le personalizzazioni troveranno spazio all’interno di ogni appartamento.
Dare uniformità al pianerottolo sarà quel tocco che renderà l’edificio più chic.
Un dettaglio che potrebbe persino passare inosservato, ma che lascerà un suo sapore, un retrogusto piacevole in chi passerà di lì.

Gli elementi d’arredo – meglio pochi, essenziali e ben scelti – non dovranno essere per forza lussuosi o di design, ma piuttosto corrispondere ad un gusto condiviso dai condomini.
Si potranno scegliere insieme, e daranno un carattere inconfondibile alla scala.
Sarà questo il modo, in caso, anche per svecchiare uno stabile: è senz’altro più facile intervenire sui complementi d’arredo che sulla struttura o sui rivestimenti.

Pianerottolo-condominio-scale

In foto - pochi elementi e pulizia per un ingresso chic 

Giocare con i tappeti

I tappeti sono fondamentali quando parliamo del pianerottolo, zona a passaggio frequente che va difesa da rumori e sporcizia.
Uno zerbino servirà al secondo scopo, e sarebbe bene sceglierli uguali per tutti, magari optando per un tappeto asciugapasso, che si può anche realizzare con un colore personalizzato per l’intero condominio o addirittura con un logo proprio, se esiste.
Per la questione di attutire i passi di chi sale e chi scende, invece, una soluzione potrebbe essere una passatoia che copra tutto il pianerottolo.
A questo proposito, potrebbe essere interessante anche utilizzare la moquette a rotolo, quella del “red carpet”, per intenderci, che darebbe importanza al passaggio e, tra l’altro, permetterebbe anche di variare, cambiando colore in momenti dell’anno.
Si potrebbero accogliere i residenti e i loro ospiti con un rosso natalizio, un turchese primaverile, un verde estivo, e così via.

Pianerottolo-fiction

In foto - inquadratura di una fiction italiana "Le indagini di Lolita Lobosco"

Soluzioni semplici e a budget minimoi

Non solo tappeti: per interventi ad alto rendimento, e a budget contenuto, che consentono di arredare il pianerottolo in modo intelligente, si può ricorrere a vasi con piante, avendo cura di scegliere quelle che troveranno un habitat consono alle loro esigenze, e a portaombrelli, altro argomento delicato.
Per non parlare di soluzioni, ancora tutte da inventare, per lasciare le scarpe fuori dall’appartamento, senza invadere la privacy altrui e il decoro dell’edificio.
Questo potrebbe essere uno dei trend di un futuro non troppo lontano, su cui potremmo trovare a confrontarci

Rotolo-Traffic-rosso_3

In foto - lasciare le scarpe fuori e mantenere la casa pulita

Ti piacciono questi tappeti?

Vuoi conoscere il rivenditore più vicino a casa tua?
Inserisci il CAP e la tua e-mail per ricevere l'elenco dei negozi nella tua zona.




Condividi
Nessun commento

Lascia un commento